ECCO UN ALTRO WEEKEND DI 'INCANTI' TRA LABORATORI, CONCERTI E VISITE GUIDATE

Al via gli eventi di settembre promossi dal Comune di Quartu Sant'Elena e dalla Fondazione di Sardegna per la rassegna culturale ‘Incanti’ che interessa i siti archeologici più rappresentativi del litorale costiero quartese: il Nuraghe Diana e la Villa Romana.

Data:
1 settembre 2022

Visualizzazioni:
1024

Al via gli eventi di settembre promossi dal Comune di Quartu Sant'Elena e dalla Fondazione di Sardegna per la rassegna culturale ‘Incanti’ che interessa i siti archeologici più rappresentativi del litorale costiero quartese: il Nuraghe Diana e la Villa Romana. Anche per questo weekend il programma è ricco di appuntamenti: laboratori, visite guidate e concerti live, sempre con ingresso libero.

Venerdì 2 settembre nell’area nuragica di Baia Azzurra visite guidate a partire dalle ore 18 con l’archeologa e responsabile della direzione artistica Patrizia Zuncheddu. A seguire via al laboratorio sulla pittura in epoca neolitica e nuragica, con la partecipazione dell’artista Angela Demontis. L’evento prevede una dimostrazione di come si ricavavano i colori da terre e minerali e l’illustrazione delle diverse tecniche pittoriche. Dalle 21 spazio al concerto live con i Musalibre, band indie pop/rock di Quartu Sant’Elena formatasi nel 2018 tra i banchi di scuola. Il gruppo nasce a seguito dell’idea di collaborazione con il batterista Marco Bucca del duo formato dal chitarrista Alessio Picci e dal cantante Francesco Sarritzu; ai tre si aggiungerà poi il bassista Francesco Mattana. La giovane band trae ispirazione dalla semplicità dei loro percorsi, dall’amicizia, dall’arte e dagli amori. Nelle loro canzoni si possono trovare influenze diversissime che vanno dai Red Hot ai System of a Down, dai The Smiths al cantautorato e all’indie pop italiano.

Anche sabato spazio alle visite dalle 18 con la Zuncheddu e a seguire un laboratorio, nel caso specifico dedicato all’archeotecnica, ma sempre con Angela Demontis protagonista. L’iniziativa ‘Tintura dei tessuti in epoca neolitica e nuragica’ prevede una dimostrazione dei metodi usati nell’antichità per colorare i tessuti a caldo con l'uso di erbe spontanee della flora sarda.

Domenica di nuovo spazio alla musica: alle 21 è infatti in programma il live ‘In the Unde Faber’, con Gerardo Ferrara (voce, percussioni), Tonino Macis (chitarra, mandoloncello), Battista Dagnino (voce, chitarra, bouzouki). Il concerto ripercorre le rotte di Fabrizio De Andrè, da Carloforte a Genova passando per i Monti di Mola. Un viaggio nel quale si incrociano e si intrecciano molteplici e diversi linguaggi poetico- musicali, che danno vita ad una sorta di “narrazione sonora”, tra citazioni e nuovi sviluppi melodici, riadattati sulle “correnti delle musiche mediterranee” dalle corde di Tonino Macis, nella linea di confine della musica di tradizione popolare e d'autore. Emerge la vena compositiva e il dialetto tabarkino di Battista Dagnino, che esalta le peculiarità degli idiomi con il suo bozouki e la sua voce.

La poetica di De Andrè, la sua visione sociale e la ricchezza delle sue considerazioni emergono nitide e forti nella rilettura puntuale e originale del progetto, lasciando trasparire l’esigenza di ricordare e ribadire il messaggio di Faber, ripercorrendone temi, genti, storie, luoghi e suggestioni. Metriche di un canto antico e sempre sorprendentemente attuale, inconfutabilmente contemporaneo, specchio di ideali e disillusioni di un artista che è stato voce degli ultimi, oltre che inventore di favole allegre e tristi.

Anche domenica sarà possibile visitare i due siti archeologici: in serata al Nuraghe Diana, la mattina alla Villa Romana, dalle ore 9 alle ore 11.

 

Locandina-Incanti-3-settembre
Locandina-Incanti-2-settembre
Locandina-Incanti-4-settembre

Ulteriori informazioni

Aggiornamento:
01/09/2022, 16:38

Potrebbero interessarti