LA LUNA SOTTO CASA AL VIA CON UN'INDAGINE SUL VINO: ECCO 'CIN CIN CANNONAU'

La terza edizione de 'La luna sotto casa parte lunedì 3 luglio alle 19 con la prima di quattro tappe della mostra dedicata al Cannonau,  diventata ormai un appuntamento fisso dell'estate che turisti e appassionati non vogliono perdere.

Data:
3 luglio 2023

Visualizzazioni:
595

La terza edizione de 'La luna sotto casa parte lunedì 3 luglio alle 19 con la prima di quattro tappe della mostra dedicata al Cannonau,  diventata ormai un appuntamento fisso dell'estate che turisti e appassionati non vogliono perdere. Sarà il Chiostro dell'Ex Convento dei Cappuccini di Quartu Sant'Elena ad ospitare le prime cinque serate in cui il vero protagonista sarà il quinto vitigno da vino a bacca rossa più coltivato del Pianeta.

La mostra accoglierà gratuitamente i visitatori ai quali racconterà, attraverso 20 pannelli ricchi di foto, grafici e mappe descrittive, una storia lunga tremila anni, da quando già in epoca nuragica l'uomo ha cominciato ad amarlo, per arrivare fino ai giorni nostri. Cin Cin Cannonau conserva la formula che negli anni precedenti ha attratto migliaia di visitatori, con le serate dedicate alle degustazioni guidate, i salotti del gusto e i laboratori di cucina sarda, in cui insieme al vino si approfondisce la conoscenza della cultura gastronomica dell'Isola e i suoi prodotti tipici.

Saranno i ricercatori dell’AGRIS, l'Agenzia Regionale per la Ricerca in Agricoltura, a inaugurare la mostra aprendo la prima serata, con la degustazione guidata intitolata “Cannonau e Centenari” . I visitatori degusteranno il vino dai tanti primati, non ultimo quello di essere il  più rappresentativo di una delle cinque zone al mondo, le Blu Zone, dove l’aspettativa di vita è più alta: Ogliastra e Barbagia. Durante la serata i visitatori impareranno a riconoscere le qualità visive, olfattive e gustative di diversi tipi di Cannonau premiati in concorsi enologici o con speciali caratteristiche.

Il padrone di casa della seconda serata invece, quella del 4 luglio, sarà Fabrizio Livretti, sommelier e relatore ai corsi di formazione della FIS, Fondazione Italiana Sommelier. Intitolato “Vini e sapori del Gennargentu” il salotto del gusto avrà come protagonisti i prodotti del paese simbolo della Montagna sarda: Desulo. Norcineria, formaggi e pani del Gennargentu incontreranno i vini prodotti in alcune tra le Cantine più alte dell’Isola, vera ricchezza dell'intero Mandrolisai.

Mercoledì 5 luglio sempre dalle 19, sarà la volta del laboratorio dedicato alla cucina sarda, a cura di Cristina Mamusa, sommelier e vice delegata regionale dell'Associazione Donne del Vino, esperta di paste artigianali sarde e di Massimo Mascia presidente dell'Associazione Botteghe in Piazza. Regina della serata sa Fregula di Neoneli, piccolo paese del Barigadu che per primo in Sardegna ha riconosciuto e puntato sulle potenzialità di questa specialità tutta sarda, alla quale dedica anche una sagra. I visitatori potranno conoscere tutti i segreti e le fasi di preparazione di questa pasta così versatile che si presta a tante preparazioni e i suoi possibili abbinamenti con il cannonau.

Uno dei matrimoni più riusciti è quello tra il Cannonau e i formaggi sardi. A questo fortunato connubio è dedicata la quarta serata, il 6 luglio, il salotto gastronomico intitolato “Sapori preziosi: Axridda e Cannonau”. A presentare questo particolare formaggio che matura nell’argilla, Raimondo Mandis, esperto di sapori sardi e Delegato della Condotta Slow Food di Cagliari che mostrerà gli abbinamenti tra alcuni Cannonau provenienti dai territori più prossimi al luogo di produzione di questo formaggio, tipico di Escalaplano.

A chiudere la prima tappa di questa imperdibile mostra, per la serata del 7 luglio, un'altra degustazione guidata, questa volta interamente al femminile intitolata “I Cannonau delle Donne del vino”. E sarà ancora Cristina Mamusa a presentare una selezione di Cannonau prodotti in aziende aderenti all'Associazione, uno spaccato sui Cannonau coltivati e prodotti a diverse altitudini (dal livello del mare, alla collina, alla montagna),selezionati nell’intero territorio isolano.

La mostra si arricchisce ogni anno di nuove collaborazioni. Sono infatti quasi cinquanta i soggetti coinvolti in questa terza edizione che vede collaborazioni preziose con Agenzie, Associazioni, Enti e Comuni che, assieme alle numerose Aziende aderenti, hanno condiviso lo spirito dell'iniziativa. Oltre alla FIS Sardegna che affianca Cin Cin Cannonau fin dal primo momento, l’estate ‘23 vedrà coinvolte attivamente l’AGRIS e Slow Food Cagliari, l'Associazione Donne del Vino e Campagna Amica Cagliari. Questa prima tappa di Quartu Sant'Elena è stata organizzata dall'Associazione Botteghe in Piazza, con il contributo della Fondazione Sardegna e del Comune di Quartu.

La mostra Cin Cin Cannonau diventa ogni anno di più uno strumento di promozione del territorio, oltre che di divulgazione culturale delle tradizioni enogastronomiche sarde: «Rinnoviamo ancora la collaborazione con Botteghe in Piazza - ha affermato Rossana Perra, Assessora alle Attività produttive e alla Valorizzazione del territorio - per un approfondimento che mette in risalto la qualità del nostro vino. Un appuntamento rivolto a un pubblico esigente e desideroso di fare nuove esperienze, che ben rappresenta la volontà dell’Amministrazione di scegliere eventi culturali differenti, che intercettano le richieste e gli interessi di un pubblico eterogeneo».

La partecipazione all'evento è gratuita, è necessaria la prenotazione al numero 338 9169211.

Ulteriori informazioni

Aggiornamento:
03/07/2023, 11:13

Potrebbero interessarti