UNA LUNGA MAREA ROSSA HA PERCORSO LA CITTÀ PER DIRE NO ALLA VIOLENZA DI GENERE

Il Comune di Quartu ha celebrato con un’imponente delegazione della pubblica istruzione cittadina la Giornata internazionale per l'eliminazione della violenza contro le Donne.

Data:
25 novembre 2022

Visualizzazioni:
314

Il Comune di Quartu ha celebrato con un’imponente delegazione della pubblica istruzione cittadina la Giornata internazionale per l'eliminazione della violenza contro le Donne. In occasione della ricorrenza istituita dall’Assemblea generale delle Nazioni Unite, con l’obiettivo di invitare i governi a organizzare eventi e sensibilizzare così l'opinione pubblica sul problema, a Quartu sono in scesi in piazza ben 600 ragazzi. Un corteo lunghissimo, una marea rossa che ha visto anche la presenza di tante associazioni impegnate nel territorio per la tutela dei diritti e il rispetto del prossimo.

La data scelta, il 25 novembre, ricorda il brutale assassinio delle tre sorelle Mirabal, avvenuto nel 1960 nella Repubblica Dominicana. Le tre donne rivoluzionarie furono torturate, massacrate, strangolate. E i loro corpi vennero buttati in un burrone, simulandoun incidente. È così diventata una giornata importante di riflessione, che la comunità quartese ha onorato percorrendo in corteo la città, da piazza XXVIII aprile al Parco del Popolo Curdo, dove è presente il monumento in ricordo delle vittime di femminicidio realizzato dell’artista Armandì, dono dell’Associazione Arcoiris ODV all’Amministrazione Comunale di Quartu Sant’Elena, come testimonianza di solidarietà e di vicinanza al tema della lotta alla violenza di genere.

FASCIONE

Al termine della marcia ci si è fermati tutti insieme nel parco del Popolo Curdo. Dopo il saluto delle istituzioni, davvero coinvolgente il contributo degli studenti quartesi, degli istituti Levi, Brotzu e Motzo, uniti per sensibilizzare la cittadinanza e divulgare l’educazione al rispetto contro ogni forma di violenza. L'espressività, la convinzione, la saggezza e l'impegno civico mostrato hanno coinvolto tutti e sono motivo di ottimismo per un futuro migliore.

“Siamo orgogliosi di aver raccolto qui nella nostra città una così ampia adesione su un tema doloroso e di grande impatto sociale, che ha colpito nel recente passato anche la nostra comunità - dichiara l’Assessora alla parità di genere Cinzia Carta -. Abbiamo dedicato questa marcia a Mihaela Kleics, vittima appena un anno fa di un brutale femminicidio qui a Quartu. La vittima è infatti spesso quella della porta accanto; talvolta basterebbe spezzare il muro del silenzio e della solitudine per darle una mano. Occorre mantenere alta la guardia e costruire gli anticorpi di una società sana e solidale. Nella lotta contro la violenza sulle donne dobbiamo lavorare assieme: Amministrazione, cittadini, scuole, associazioni di volontariato, artisti, tutta la comunità. E dobbiamo lavorare soprattutto sul piano culturale per sensibilizzare la collettività, diffondendo l’educazione alle relazioni affettive non discriminatorie. Tutti siamo coinvolti, tutti dobbiamo impegnarci, non solo in questa giornata, ma ogni giorno, per la libertà, per la dignità e per la parità dei diritti delle donne. Perché si possa davvero vivere in una società senza violenza e senza femminicidi il lavoro sarà lungo e richiederà un grande impegno collettivoha concluso l’esponente della Giunta quartese.

“Vedere oggi questa partecipazione, membri delle associazioni, insegnanti, ma soprattutto tantissimi ragazzi, con cartelli preparati ad hoc, con la faccia disegnata, con tratti di rosso sul viso o sul corpo… mi ha veramente emozionata - ha aggiunto la Presidente della Commissione Pari Opportunità Elisa Usalla -. Sicuramente una sola giornata non può bastare per contrastare un fenomeno così terribile come la violenza di genere, ma noi della commissione Pari Opportunità e l’Assessorato alle Politiche di genere abbiamo voluto organizzare questo evento per dare un segnale, affinché la cittadinanza partecipasse, attivamente marciando con noi, ma non solo. La marea rossa che ha attraversato la città è un monito, è un contributo per stimolare le coscienze. Eravamo in tantissimi, tante altre persone ci hanno visto marciare, e magari vederci è stato utile per portare qualcuno a riflettere, su quello che sta vivendo e su cosa potrebbe fare per cambiare la sua vita, in meglio, denunciando” chiosa la giovane Consigliera comunale.

“È stata una manifestazione bellissima e molto partecipata, anche da parte di tanti cittadini e tante associazioni, attraverso le principali vie della nostra città - il commento del Sindaco Graziano Milia-. Ma soprattutto è stato bello vedere sfilare oltre 600 studenti delle nostre scuole superiori: con il loro entusiasmo e la loro convinzione ci hanno restituito la speranza per un futuro migliore. Gli anticorpi per contrastare la violenza si costruiscono a partire dalla società e dai giovani, attraverso l'educazione alla solidarietà e all'empatia, che ci consente di metterci nei panni degli altri, di non girarci dall'altra parte, di spezzare il muro della vergogna e del silenzio. Ringrazio l'Assessorato alle Politiche Generazionali e la Commissione Pari Opportunità del Comune, fortemente impegnati in questa iniziativa, e tutti coloro che hanno partecipato. Ma soprattutto voglio ringraziare i giovani che hanno compreso l’importanza di un tema così importante e che hanno deciso essere parte di un evento tra i più grandi e partecipati nella nostra Isola”.

PHOTO-2022-11-25-19-35-262
b13c3efc-d3a2-4c44-8c0c-5c453fccb86c
971ea7f5-a76d-4eb9-986e-b62af4e6b5f3
b42bcc4f-d992-4f7b-88fa-3d284c9e6ca2
73b5ed43-f227-4b0e-816b-d3c3a0dd5bd3
9fc1ab6d-2c84-4de3-970d-62d3e1803af0
PHOTO-2022-11-25-19-35-26
PHOTO-2022-11-25-19-35-261
PHOTO-2022-11-25-19-35-263
PHOTO-2022-11-25-19-35-265
fabc1270-e269-43f5-a839-84004f90f43b
PHOTO-2022-11-25-19-35-267
d80c3e7e-57db-482f-8d11-98dad71cd80c
cc145fc1-e118-44ab-9018-d06f7f5d64dc
PHOTO-2022-11-25-19-35-269
PHOTO-2022-11-25-19-35-268
PHOTO-2022-11-25-19-35-2612
25bda05a-7775-4187-92c6-7765fce70c0d
83c722a4-19e5-4bed-939b-886b96c134ca
PHOTO-2022-11-25-19-35-2611
PHOTO-2022-11-25-19-35-2610
5c90b0da-09fa-442d-8b8c-cfb249f2202c
PHOTO-2022-11-25-19-35-2614
83385957-157f-4ee3-adf1-200a32f40d50
af8cb7a2-2a99-450f-b43e-9beaeac9ecb5
PHOTO-2022-11-25-19-35-2616
PHOTO-2022-11-25-19-35-2615
469edfff-35df-443e-bc4e-16e3ab88f4fc
d23c64f2-8072-4812-b5ec-c8806fd52100
b5382867-c76d-41b0-a611-b3fc041df33b
PHOTO-2022-11-25-19-35-262 b13c3efc-d3a2-4c44-8c0c-5c453fccb86c 971ea7f5-a76d-4eb9-986e-b62af4e6b5f3 b42bcc4f-d992-4f7b-88fa-3d284c9e6ca2 73b5ed43-f227-4b0e-816b-d3c3a0dd5bd3 9fc1ab6d-2c84-4de3-970d-62d3e1803af0 PHOTO-2022-11-25-19-35-26 PHOTO-2022-11-25-19-35-261 PHOTO-2022-11-25-19-35-263 PHOTO-2022-11-25-19-35-265 fabc1270-e269-43f5-a839-84004f90f43b PHOTO-2022-11-25-19-35-267 d80c3e7e-57db-482f-8d11-98dad71cd80c cc145fc1-e118-44ab-9018-d06f7f5d64dc PHOTO-2022-11-25-19-35-269 PHOTO-2022-11-25-19-35-268 PHOTO-2022-11-25-19-35-2612 25bda05a-7775-4187-92c6-7765fce70c0d 83c722a4-19e5-4bed-939b-886b96c134ca PHOTO-2022-11-25-19-35-2611 PHOTO-2022-11-25-19-35-2610 5c90b0da-09fa-442d-8b8c-cfb249f2202c PHOTO-2022-11-25-19-35-2614 83385957-157f-4ee3-adf1-200a32f40d50 af8cb7a2-2a99-450f-b43e-9beaeac9ecb5 PHOTO-2022-11-25-19-35-2616 PHOTO-2022-11-25-19-35-2615 469edfff-35df-443e-bc4e-16e3ab88f4fc d23c64f2-8072-4812-b5ec-c8806fd52100 b5382867-c76d-41b0-a611-b3fc041df33b

Ulteriori informazioni

Aggiornamento:
28/11/2022, 10:04

Potrebbero interessarti